Valentina Lazzaroni – CAE Bonduelle

Le socle européen du dialogue social

Valentina Lazzaroni – CAE Bonduelle

Condividi

“Il CAE di Bonduelle era previsto ad aprile.. Ovviamente non è stato possibile ed è stato quindi rimandato. Ci siamo tenuti in contatto tramite mail e la riunione si è svolta in data 01/09 e 02/09 in via telematica. Soltanto alcuni colleghi francesi si sono collegati dalla sede. L’azienda ha fornito a ciascun membro del CAE 2 interpreti.

Nonostante alcuni piccoli problemi di connessione, credo sia stato il modo migliore per poter dialogare in sicurezza, fattore a cui la mia azienda tiene in modo particolare.

Fin dai primi giorni di pandemia,a fine febbraio, tutti i dipendenti degli uffici sono stati obbligati a lavorare da casa. L’azienda ha fornito a ciascun dipendente un cellulare aziendale ed un laptop e si sono adoperati perché tutti avessimo a disposizione le connessioni adeguate. Non abbiamo perso quindi nemmeno un giorno di lavoro.

Oltre a questo l’azienda ha messo a disposizione dei dipendenti un supporto psicologico tramite un’organizzazione esterna (quindi ovviamente garantendo l’anonimato) e un’assicurazione sanitaria integrativa che avrebbe coperto spese mediche e degenze in caso di contagio.

Bergamo è stata una delle province più colpite e nonostante tutto sono molto soddisfatta di poter dire che Bonduelle non si è assolutamente mai tirata indietro e ha assistito in modo continuo ogni dipendente, continuando a inviare comunicazioni e aiuti. Ci hanno fatto davvero sentire parte di qualcosa.

Abbiamo perso purtroppo un collega in produzione a causa di questa tragedia, e anche in questo caso l’azienda ha raccolto soldi per poter aiutare quella sfortunata famiglia.

Sono orgogliosa di far parte di questa grande famiglia.”